I luoghi della memoria - Le storie, le persone, i sentieri

L' istituzione del Parco Nazionale dell'Aspromonte prevista da una legge del 1989 con la quale si intendeva creare una grande area protetta autonoma dal Parco Nazionale della Calabria (istituito nel 1968) - e formalizzata dalla Legge Quadro sulle aree protette (n. 394 del 1991), si realizzò concretamente nel 1994 quando, con D.P.R. datato 14 gennaio, fu istituito l'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte. Il Parco Nazionale dell'Aspromonte si estende per 65.647,46 ettari e comprende il territorio di 37 comuni della provincia di Reggio Calabria:

 

Africo, Antonimina, Bagaladi, Bova, Bruzzano Zeffirio, Canolo, Cardeto, Careri, Ciminà, Cinquefrondi, Cittanova, Condofuri, Cosoleto, Delianuova, Gerace, Mammola, Molochio, Oppido Mamertina, Palizzi, Platì, Reggio Calabria, Roccaforte del Greco, Roghudi, Samo, San Giorgio Morgeto, San Lorenzo, San Luca, San Roberto, Santa Cristina d'Aspromonte, Sant'Agata del Bianco, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Santo Stefano in Aspromonte, Scido, Scilla, Sinopoli, Staiti, Varapodio.

L'associazione escursionistica "Gente in Aspromonte" ha voluto basare il proprio programma escursionistico 2013 sulle antiche Vie dei mercanti che si sviluppano prevalentemente nel Parco Nazionale dell'Aspromonte. Tali vie confermano che l'aspromonte non ha mai rappresentato una barriera insormontabile ed inoltre si concretizzano in numerosi itinerari paralleli, utilizzati in alternanza a seconda delle situazioni e del trascorrere del tempo. Tra le tante si sottolineano alcune vie di comunicazione di importanza strategica: Passo del Mercante ai piedi di Montalto; Vie dell'area Grecanica ( importanti per lo scambio commerciale tra le popolazioni della zona grecanica con quelle di Africo e Bova); Passo Cerasara (fungeva da importante crocevia per mercanti, pastori e carbonai); Passo Cancello (nodo importante che favoriva l'aggregazione, l'amicizia e i matrimoni tra le genti dei due versanti); Passo Mercante (Zomaro) (via di comunicazione già usata dai locresi in periodo magno-greco); Passo Mercante Mammola - San Giorgio Morgeto. Le vie dei mercanti rievocheranno all'escursionista tutto un mondo di umanità, di civiltà, di vita, andato irrimediabilmente perduto; infatti, alla contemplazione della natura, lungo il suo percorso, egli potrà rivivere le avventure del cammino, delle emozioni e delle relazioni umane di chi lo ha proceduto lungo le vie dei monti.

Commissario straordinario dell'Ente Parco

Dott. Antonio Alvaro

Nel corso del tempo

  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999
  • 2000
  • 2001
  • 2002
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
  • 2017
  • 2018
  • 2019
  • sld_1
  • sld_2
  • sld_3
  • sld_4
  • sld_5
  • sld_6
  • sld_7
  • sld_8
  • sld_9
  • sld_10

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.