• A1
  • A2
  • A3
  • A4
  • A5
  • A6
  • A7
  • A8
  • A9
  • B1
  • B2
  • B3
  • b4
  • B5
  • B6
  • B7
  • B8
  • B9
  • bg21
  • bg23
  • C1
  • C3
  • C8
  • C9
  • E1
  • E2
  • E3
  • E4
  • F4
  • G
  • G11
  • g2
  • G4
  • G9
  • gallery 02
  • gallery 07
  • gallery 12
  • gallery 13
  • gallery 14
  • gallery 16
  • gallery 20
  • gallery 22
  • gallery 25
  • gallery 26
  • H

I fantasmi di "Rocca Randi"

Le cronache narrano che a circa metà degli anni Trenta un'intera banda musicale  si stesse recando da un paese di montagna, Ortì, a uno di mare, Archi, per presenziare ad una festa patronale.
Sedutisi, i musicanti, all'ombra di un grande albero di gelso, furono sepolti dall'improvviso crollo di una parte consistente di una collina a strapiombo sul torrente, quasi sempre asciutto e che all'epoca rappresentava una delle principali vie di comunicazione tra i paesi montani e la città di Reggio.
Il torrente si chiama Torbido, in dialetto "Trinitrùbbuli" che é un onomatopeico che richiama "pietre rotolanti" ed è stato spessissimo causa di morti violente causa piene improvvise, soprattutto prima che si provvedesse a frenare l'impeto delle acque edificandovi dei "salti" artificiali in calcestruzzo e pietra viva. Ciò avvenne verso l'inizio degli anni '40.
Prima di allora le notizie certe di morti di uomini e bestie si sono susseguite e sono puntualmente riferite dalle cronache dell'epoca.
Image
Il torrente é perciò da sempre considerato come luogo di apparizioni spiritiche segnalate in varie forme e circostanze da decine di persone.
Quella della banda perita sotto il crollo più che un'apparizione visibile é descritta come un fenomeno acustico udibile anche in pieno giorno: in altre parole si sentirebbe distintamente arrivare il suono di una banda proprio nel luogo essa fu travolta dai detriti.Il nome esatto del posto è "Mariotta" e la rocca incriminata è la "Rocca randi (Grande)" ben nota a tutti gli abitanti delle zone limitrofe. L'ubicazione esatta del luogo è in zona Nord di Reggio Calabria, a circa 3 km da essa: il torrente Torbido attraversa l'abitato di Archi e separa i rioni San Francesco e Archi Centro. Si insinua tra le splendide colline reggine con continue anse fino ad arrivare a settecento metri di altezza. Ha infatti origine dalla contrada Straorìno e quest'ultima è da considerarsi uno dei primi insediamenti aspromontani.
E' un luogo che per le sue caratteristiche e soprattutto per la sua facile percorribilità sia a piedi che parzialmente anche in fuoristrada ha sempre conosciuto una notevole frequenza ed è del tutto inevitabile che sul suo conto si narrino svariate leggende legate sia a vicende terrene che meno terrene.
La leggenda della banda musicale di Ortì è la più nota ed accreditata.Tratto dal sito “L’Italia dei fantasmi”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.