• A1
  • A2
  • A3
  • A4
  • A5
  • A6
  • A7
  • A9
  • B1
  • B2
  • B3
  • b4
  • B5
  • B6
  • B7
  • B8
  • B9
  • bg12
  • bg21
  • bg23
  • C1
  • C1
  • C8
  • C9
  • E1
  • E2
  • E3
  • E4
  • F4
  • G
  • g2
  • gallery 02
  • gallery 07
  • gallery 11
  • gallery 12
  • gallery 13
  • gallery 14
  • gallery 15
  • gallery 16
  • gallery 20
  • gallery 22
  • gallery 25
  • gallery 26
  • gallery 27
  • H

Febea. Miti, misteri ...

Febea. Miti, misteri e leggende di Reggio Calabria e dintorni

di Marina Crisafi

Chi erano i Fudditti? Dove si trovano le Caldaie del Latte? E la dimora della fata Morgana? Qual è la vera storia di Scilla e Cariddi? Chi era la dama reggina che conquistò il cuore del famigerato Barbarossa? Marina Crisafi ci conduce in un viaggio indietro nel tempo alla scoperta di una Reggio Calabria inedita, col suo carico di leggende, miti e misteri sopravvissuti a oltre duemilasettecento anni di storia. Un viaggio indietro nel tempo alla scoperta di una Reggio Calabria inedita, col suo carico di leggende, miti e misteri sopravvissuti ad oltre duemilasettecento anni di storia.

Davanti agli occhi del lettore passano la Reggio magnogreca e romana, quella medievale e quella spagnola. Sfilano i luoghi e i paesaggi della provincia reggina, con la loro bellezza solare e aspra, e i personaggi che li hanno animati: eroi mitologici e semplici popolani; re, cavalieri e briganti; spietati corsari e nobili donzelle; santi e diavoli e, ancora, streghe, fantasmi, fate.

Ma si riscoprono anche le virtù del popolo reggino, il proverbiale fatalismo, il coraggio e la dignità di fronte alle innumerevoli vicende e avversità che hanno martoriato la nostra terra. Una vera e propria cavalcata nei secoli che comincia con il mito della fondazione, pronosticato dall’oracolo di Delfi, e si conclude con quello dei cavalieri spagnoli che fondarono le mafie, e, idealmente, con un messaggio di speranza: un giorno, scrive l’autrice, anche la ‘ndrangheta diventerà una leggenda che le nuove generazioni potranno raccontare affermando “c’era una volta e oggi non c’è più ”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.