Tracce di mare in montagna

Un’escursione nelle immediate vicinanze del nostro capoluogo, sul versante calabrese dello Stretto che, come quello siciliano, offre la possibilità di toccare con mano quelle rocce che, nel Pliocene e Pleistocene, furono innalzate da intense forze tettoniche dalle profondità del mare. Sono i terrazzamenti marini di Ortì. Tutta l’area circostante è caratterizzata da diversi terrazzi marini dei quali alcuni si trovano anche a 1000 metri sul livello del mare. I fossili presenti testimoniano come quest’area custodisca un patrimonio di incommensurabile interesse geologico. Basti dire che durante il percorso, in località Montechiarello, visiteremo il luogo dove nel 1993 furono ritrovati i resti di una balena, oggi custoditi nella città di Messina.

header esc

14 Aprile 2019

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2019

"LA NATURA NASCOSTA"

Tracce di mare in montagna

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - IN LINEA (Gruppo 1 ESCURSIONISTI ESPERTI)

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - CULTURALE AD ANELLO (TUTTI)

 

RADUNO GRUPPO 1: ore 08.45 Presso il piazzale della Chiesa del Carmine del quartiere di Archi (RC)

PARTENZA ESCURSIONE GRUPPO 1ore 9.00 - percorso in linea

TEMPO DI PERCORRENZA E VISITE PER IL GRUPPO 1: 7.00 ore (compreso percorso escursionistico e visite culturali)

DISLIVELLO GRUPPO 1: 20 mt s.l.m. – 600 mt s.l.m. (il percorso è tutto in salita)

DIFFICOLTÀ GRUPPO1: E.E. (Percorso per Escursionisti Esperti): il percorso è caratterizzato da una forte pendenza in salita, non vi sono rifornimenti di acqua lungo il tragitto ed è quasi completamente esposto (al sole)

RADUNO GRUPPO 2: ore 10.00 entrata Orti

PARTENZA ESCURSIONE GRUPPO 2: ore 10.15

TEMPO DI PERCORRENZA E VISITE PER IL GRUPPO 2: 5.30 ore (passeggiata naturalistica e visite culturali)

DISLIVELLO GRUPPO 2: 650 mt s.l.m. – 550 mt s.l.m. (il percorso si sviluppa soprattutto in piano)

DIFFICOLTÀ: GRUPPO 2: T. (percorso Turistico)

Come arrivare (per il GRUPPO 2): Dal raccordo di Reggio Calabria prendere l'uscita Spirito Santo e procedere verso Condera - Pietra Storta – Terreti - Orti.

COMUNI INTERESSATI: Reggio Calabria               LOCALITÀ: Ortì

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nota Bene: per esigenze di carattere logistico, il Gruppo 2 supporterà il Gruppo 1 per i trasferimenti di un numero adeguato di auto dalla Chiesa del Carmine di Archi a Ortì per facilitare il rientro, con il coordinamento dei referenti dell’associazione.

Per questo motivo è assolutamente necessario prenotarsi entro venerdì segnalando, per ciascun partecipante, il tipo di escursione scelta (Gruppo 1 oppure Gruppo 2)

 


 Per tutti i partecipanti è previsto il pagamento di un biglietto per le visite guidate pari a € 3,00 a persona

DESCRIZIONE ATTIVITA'

PROGRAMMA GRUPPO 1 (ESCURSIONISTI ESPERTI)

Raduno: ore 8.45 Piazzale della Chiesa del Carmine quartiere di Archi, Reggio Calabria

Partenza Escursione: ore 9.00 percorso in linea

Il gruppo di escursionisti esperti, con una tranquilla ma intensa camminata, procederà dal quartiere di Archi verso il Monastero di Ortì, percorrendo un ampio sentiero a tratti molto ripido, tanto da risultare sdrucciolevole anche in salita!! Voltando lo sguardo alle proprie spalle, vedranno il panorama dello Stretto delinearsi sempre più, mutando e divenendo sempre più spettacolare man mano che si sale di quota, con una vista che spazia dall’Etna alle isole Eolie a tutta la Costa Calabra, con in basso la Città di Reggio Calabria protesa verso il mare.

Lasciata la Chiesa del Carmine, in circa 10 minuti di cammino nell’omonimo quartiere Archi Carmine si raggiungerà la Chiesa di Sant’Antonio Abate, unica struttura reggina in cui si concretizza la fusione tra il neoellenismo bizantino e il romanico normanno e da qui, procedendo sempre in salita e superato un piccolo colle sormontato da pini marini, si continuerà su ripida sterrata tra mandorli e piccole querce. Una breve sosta per godere del panorama dello Stretto in prossimità di una casa abbandonata, circondata da iris viola e bianchi, calle e innumerevoli fiori di campo. Continuando a salire, gireremo intorno ad una struttura in costruzione di proprietà del Corpo Forestale dello Stato, con panorama che spazia dalla punta del Calopinace a sud alle colline di Arghillà e Campo Calabro a Nord, con di fronte lo spettacolo dell’Etna, dello Stretto, del porto di Messina, delle isole Eolie e, in basso, la città di Reggio. Solo poco prima di raggiungere il Monastero di Ortì percorreremo un breve tratto in piano tra cespugli di erica, cisto e qualche corbezzolo, e avremo proprio l’impressione di camminare su una spiaggia sabbiosa.

In circa due ore di escursione il Gruppo 1 raggiungerà il parcheggio del Monastero di Ortì e, alle ore 11.00 si unirà al Gruppo 2.

 

PROGRAMMA GRUPPO 2 (PERCORSO TURISTICO)

Alcuni partecipanti del Gruppo 2, coordinati dai referenti dell’escursione (Elvira Romeo e Totò Pellegrino), supporteranno il Gruppo 1 in modo che siano portate ad Ortì un numero di macchine sufficiente per il rientro al termine delle attività.

Raduno GRUPPO 2: ore 10.00 entrata di Ortì, successivamente ci si sposta in auto verso il parcheggio del Monastero della Visitazione di Santa Maria dove avviene l'incontro con la guida.

Inizio attività GRUPPO 2: ore 10.15 – visita al Monastero Il Gruppo 2, parcheggiate le auto, incontrerà la guida e a seguire si svolgerà la visita guidata al "Monastero della Visitazione di Santa Maria" ubicato in zona "San Nicola" da cui si gode uno spettacolo incredibile con la vista di tutto lo Stretto tra le Eolie e l'Etna.

Alle ore 11.00 il Gruppo 2 si unirà al Gruppo 1 nei pressi del Monastero e le attività proseguiranno congiuntamente, livello di difficoltà: PERCORSO TURISTICO.

Da questa fase, tutti i partecipanti procederanno insieme e il percorso si articolerà in più fasi con diverse caratterizzazioni: Storico-Culturale (Museoseta), Storico-Archeologico (i resti dell'antica "Motta Anomeri"), Geo-Paleontologico (Storia della "balena" fossile di Ortì) e Paesaggistico (Montechiarello e dintorni).

La diversificazione di questi momenti serve per armonizzare le esperienze offrendo a chiunque l'opportunità di approfondire al meglio ciò che lo appassionerà maggiormente.

Il Museo della Seta (da poco anche "Ecomuseo" associato al terreno in cui si svolge la gelsicoltura e altre storiche attività agricole) raccoglie reperti del mondo dell'artigianato tessile calabrese degli ultimi 150 circa conservando preziose testimonianze ben rappresentate sia da tessuti di eccellenza che da attrezzi di lavorazione (Telai, Macchine da cucire particolari, un'antica macchina del Plissè); offre l'opportunità di conoscere tutta la filiera della seta e di altre fibre naturali.

L'escursione lungo e sopra Monte Chiarello offrirà moltissimi spunti sia agli appassionati di paleontologia che di geologia ma anche per quelli di archeologia e per gli amanti del Paesaggio (volutamente con la P maiuscola).

Mostreremo il sito del ritrovamento del fossile di balena di Ortì (appartenente ad oltre 3 mln di anni fa) soffermandoci sulle particolarità morfologiche di questo "monte".

Lungo il percorso incroceremo anche molte piante autoctone (interessanti per il loro uso tradizionale) ed una vecchia "carcara" che rappresenta una piccola ma significativa testimonianza di "archeologia industriale" (serviva a fare la calce).

I resti di Motta Anomeri svettano su Monte Chiarello e raccontano storie antiche ed affascinanti da una posizione che consente a 360 gradi di ammirare paesaggi incantevoli (dalla montagna al mare).

Nel complesso tutta l'escursione cercherà di mantenere un'armonia tra "passeggiata" e "riflessione" oltre che momenti squisitamente emozionali.

La sosta pranzo può essere effettuata tra i campi (molto indicato Monte Chiarello).

Per tutti i partecipanti è previsto il pagamento di un biglietto per le visite guidate pari a € 3,00 a persona


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.