Timpa Mundata

Domenica 10 febbraio la terza escursione prevista dal programma 2019 ci condurrà alla “Timpa mundata” nel territorio di Caulonia.

Cammineremo in un ambiente rurale, caratteristico e intatto: un sentiero che dal Borgo di Calatrìa ci porterà fino al Borgo di Santo Todaro.

Dopo una settimana di pausa, è tempo di riallacciare gli scarponi! Adelante!

.

header esc

10 Febbraio 2019

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2019

"LA NATURA NASCOSTA"

Timpa Mundata

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - STORICO AD ANELLO

RADUNO: ore 9.30 presso la rotonda di Caulonia Marina (RC)

        ore 09.45 si prosegue verso le Cascate di San Nicola

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00 dal ponte di San Nicola sull’Allaro

DIFFICOLTA': E - Percorso Escursionistico TEMPO: Ore 5.30

DISLIVELLO: 250 mt s.l.m. - 620 mt s.l.m.

COMUNI INTERESSATI: Caulonia - Nardodipace     LOCALITA': Borgo di Calatria

REFERENTE: Totò Pellegrino

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CONSIGLI UTILI:

Cosa mettiamo nello zaino: (a seconda della stagione e le modalità dell'escursione): berretto di lana o pile, guanti, maglione supplementare, giacca a vento, mantellina, stringhe di ricambio, occhiali da sole, fazzoletti, borraccia, colazione a sacco, sacchetto per rifiuti, cassetta pronto soccorso, coltello.

Cosa lasciare nell'automezzo: Un ricambio completo di vestiario e scarpe.

Come vestirsi: Vestirsi a strati in modo da poter togliere o indossare i vari indumenti a seconda delle condizioni climatiche ricordando che il corpo deve traspirare e che lo strato superficiale deve poter proteggere dal vento e dalla pioggia.

Buone prassi: Durante le escursioni i partecipanti devono attenersi alle disposizioni degli organizzatori, non prendere iniziative personali, comunicare ogni difficoltà ad un membro del consiglio direttivo o alla guida, e collaborare alla buona riuscita dell’uscita. Il direttore dell’uscita cura l'esecuzione dell'escursione, ha facoltà di modificare il programma per sopravvenute necessità, e segnalare al consiglio direttivo eventuali comportamenti scorretti.


 DESCRIZIONE SENTIERO

L’escursione inizia imboccando una strada sterrata in salita che punta verso il Borgo di Calatrìa. Tra piante di agave e vari tipi di arbusti dopo circa 20 minuti raggiungeremo le Case vecchie del Borgo, ormai in dirupo, che costituiscono tuttora uno splendido punto panoramico. Ma cosa c’è da vedere da lassù? E’ presto detto! Sulla nostra sinistra il territorio di San Nicola (frazione di Caulonia) con il torrente Allaro e l’Eremo di Sant’Ilarione che dal 2003 è guidato dall’eremita diocesano di origine francese, Frédéric Vermorèl; a destra la Frazione Ursini di Caulonia con la sua enorme antenna posta nei pressi del cimitero; poi la frazione di San Nicola sovrastata dal monte Sant’Andrea, ed infine il Borgo Salincriti che è riconoscibile per la grande frana dalla quale sgorga acqua mescolata a ruggine.

Dopo questa breve sosta continueremo in salita (copriremo un dislivello di 230m) fino a raggiungere un pianoro dal quale sarà possibile ammirare il picco del monte Mammicomito.

Man mano che saliamo di quota il torrente Allaro sembrerà un serpente che scivola fin dentro la montagna, saremo circondati dalla rigogliosa macchia mediterranea dominata dalla presenza del leccio, ed in basso potremo scorgere il Vallone Pampiniti.

Arriviamo quindi nel territorio di Nardo di Pace (VV) e come se fosse un piccolo presepe vedremo 3 piccole frazioni “incollate” sulla montagna: Ragonà, Nardo di Pace Vecchio e Santo Todaro.

A Santo Todaro arriveremo dopo quasi 3 ore di cammino. Nella piazzetta di questa piccola frazione ci fermeremo per il pranzo; lungo il percorso non sono presenti fontane o sorgenti, quindi sarà bene portare nello zaino una buona riserva di acqua!

Da Santo Todaro riprenderemo la strada sterrata per tornare verso le macchine completando il percorso ad anello che ci riporterà giù al punto di partenza.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.