• A1
  • A2
  • A3
  • A4
  • A5
  • A6
  • A7
  • A8
  • A9
  • B1
  • B2
  • B3
  • b4
  • B5
  • B6
  • B7
  • B8
  • B9
  • bg21
  • bg23
  • C1
  • C3
  • C8
  • C9
  • E1
  • E2
  • E3
  • E4
  • F4
  • G
  • G11
  • g2
  • G4
  • G9
  • gallery 02
  • gallery 07
  • gallery 12
  • gallery 13
  • gallery 14
  • gallery 16
  • gallery 20
  • gallery 22
  • gallery 25
  • gallery 26
  • H

Il crinale Naca di Fossi

Una camminata non impegnativa ma col fascino dell’alta montagna lungo il crinale aspromontano della Naca di Fossi; un percorso che si sviluppa lungo un’antica via di comunicazione che tocca il comune di Molochio e la sua montagna. Il dislivello contenuto, il sentiero agevole e gli ampi panorami che si possono godere, rendono questa escursione alla portata di tutti e di notevole interesse storico e naturalistico. Il percorso è caratterizzato da una ricca vegetazione composta da querce, lecci, faggi, grosse liane di vitalba, muschi Licheni e da rare varietà di felci preistoriche tra le quali la felce gigante bulbifera (Woodwardia radicans) le cui origini risalgono ad almeno 60 milioni di anni fa. In questo  splendido paesaggio si trova la spettacolare cascata Mundu,una nicchia di roccia circondata da alberi e felci.

 

header esc

18 Marzo 2018

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2018

"IL PETTINE DELL'ASPROMONTE"

Il crinale Naca di Fossi

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - STORICO AD ANELLO

RADUNO: ore 09.30 presso il Villaggio Trepitò (Molochio)

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00

DIFFICOLTA': E - Escursionistico  -  TEMPO: Ore 5.00

DISLIVELLO: 650 mt s.l.m. - 950 mt s.l.m.

COMUNI INTERESSATI: Molochio

mappa

<-TRACCIATO

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COSA BISOGNA SAPERE

L'escursione di Domenica, giornata della memoria, è dedicata agli amici escursionisti che son venuti a mancare in questi anni. 


 DESCRIZIONE SENTIERO

Si parte dal villaggio Trepitò, meta di numerosi vacanzieri nella stagione estiva, negli anni ottanta e fino ai primi anni novanta al massimo del suo splendore, oggi in abbandono.

La spina dorsale del sentiero è rappresentata da un’ antica mulattiera che si snoda nella valle e della quale si possono ancora vedere i manufatti che sono serviti a costruirla e conservarla fino a oggi; infatti il sentiero si articola agevole lungo le mulattiere che un tempo collegavano Molochio con la montagna.

Si lascia la fontana del Panto e procediamo su una pista che scende al lato sinistro della fontana, si scende lungo una vecchia sterrata, per immettersi dopo 10 minuti nel viottolo dei Buoi, in passato la strada lungo la quale circolavano i carri trainati appunto dai buoi; superato il costone di Mastro Marzio, immersi in una fitta macchia mediterranea, dopo circa 30 minuti raggiungiamo il bosco della Cotorella. Si scende lungo qualche tornante e siamo sulla parte alta del Passo Grancu. Dopo aver percorso ancora qualche centinaio di metri giungiamo sulla strada asfaltata, da dove, dopo qualche minuto raggiungiamo il sentiero del Galasia.

L’escursionista, addentrandosi nel percorso, avverte, già dopo pochi metri, una sensazione di “sospensione” dall’ambiente a cui è avvezzo nella vita di tutti i giorni; si sente in simbiosi con la natura e ne avverte la deflagrante presenza: leccio, faggio, erica, ginestra, liane e tante altre specie, accompagnano il cammino del visitatore regalando colori e profumi.

In sottofondo, il canto delle diverse specie di uccelli che stanziano nella zona. Scendendo, si arriva, dopo circa 20 minuti, dove la vallata del Grancu lascia il posto al vallone Mundu e al suo corso d’acqua. Si tratta di un sito anticamente coltivato che conserva ancora le tracce della pratica agricola (terrazzamenti, muri a secco, ecc..). Da qui si dirama il tratto che porta alla Cascata Mundu: un suggestivo salto d’acqua di 40 metri interamente costeggiato dal sentiero che, per un buon tratto, funge da terrazza che si affaccia proprio sulla cascata.

La cascata è immersa nel verde e tra una vegetazione di muschi Licheni e Woodwardia radicans, una varietà di felci preistoriche enormi, riconducibili ad almeno 60 milioni di anni fa. Il nome Mundu di questa caratteristiche cascate viene dal grecanico e significa nudo o spoglio.

Superato il ponticello si segue il sentiero e, dopo 5 minuti, si arriva al quadrivio; il sentiero segnato ci porta alle cascate Galasia, quindi ci immettiamo sul sentiero che sale sulla destra e da qui prende inizio il crinale dei Fossi, una vecchio viottolo che una volta era uno dei passaggi più importanti per i Molochiesi.

Si sale dolcemente lungo piccoli tornanti e, dopo circa 30 minuti, costeggiato un giovane frutteto, siamo sul serro dell’abbruschiato, e, lasciata ormai la salita,  si prosegue lungo il costone che ci porta alla parte alta del Villaggio tra secolari piante di Faggio; dopo ancora qualche minuto di cammino ci immettiamo sulla carrera che procede in discesa e che  ci porta al laghetto artificiale del Panto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.