• A1
  • A2
  • A3
  • A4
  • A5
  • A6
  • A7
  • A8
  • A9
  • B1
  • B2
  • B3
  • b4
  • B5
  • B6
  • B7
  • B8
  • B9
  • bg21
  • bg23
  • C1
  • C3
  • C8
  • C9
  • E1
  • E2
  • E3
  • E4
  • F4
  • G
  • G11
  • g2
  • G4
  • G9
  • gallery 02
  • gallery 07
  • gallery 12
  • gallery 13
  • gallery 14
  • gallery 16
  • gallery 20
  • gallery 22
  • gallery 25
  • gallery 26
  • H

Il peperoncino calabrese

Il peperoncino calabrese è tra i prodotti tipici della Calabria più noti ed apprezzati in Italia ed all’estero, dove è usato in mille specialità gastronomiche e piatti tradizionali. I peperoncini piccanti di Calabria, però, non sono soltanto perfetti per esaltare il sapore dei cibi, ma possiedono molte proprietà benefiche che la medicina ufficiale va confermando ormai da anni: responsabile di tali effetti benefici per la salute sarebbe la capsaicina, la sostanza a cui dobbiamo la tipica sensazione piccante su lingua e palato.
La storia del peperoncino piccante risale a circa 7mila anni fa, quando presumibilmente gli indios del Centro e Sudamerica iniziarono a coltivare questa spezia, allora molto preziosa.

Conosciuto dagli spagnoli a seguito della scoperta del Nuovo Mondo, il peperoncino si diffuse in tutta Europa ed in Africa, dove venne utilizzata largamente per la conservazione dei cibi, assumendo un ruolo chiave nell’economia delle aree più povere. La Calabria, in tal senso, non fece eccezione: qui il peperoncino venne coltivato in maniera sempre più diffusa, grazie anche al clima caldo che si avvicina a quello tropicale di Messico e Cile (la denominazione “Chilli” deriva proprio dal paese sudamericano).

Le ricette a base di peperoncino calabrese sono migliaia e migliaia: sarebbe impossibile sintetizzarle qui senza fare delle omissioni eccellenti. In pratica i calabresi usano il piccante ovunque, fresco, sott’olio o in polvere: non solo spaghetti e penne all’arrabbiata, dunque, ma anche piatti di carne, pesce, verdure, zuppe, salse e insalate! Il peperoncino sta bene dappertutto! Il piccante, se ben dosato, non annienta i sapori ma li esalta stimolando le terminazioni nervose della lingua e del palato.


La fantasia dei ristoratori e dei cuochi calabresi ha portato a numerosi prodotti a base di peperoncino, alcuni davvero molto originali come la marmellata, il liquore e la cioccolata piccante, tra le idee regalo più apprezzate dai turisti. Diffusissima la cosiddetta “bomba calabrese”, un barattolo di peperoncini piccanti sott’olio corredata di involucro e miccia di cartoncino.

Le proprietà salutari del peperoncino sono innumerevoli: grazie alla sua azione stimolante, infatti, riesce a regolare la pressione sanguigna ed a migliorare la circolazione, con effetti benefici generali. Inoltre ha proprietà antisettiche e favorisce la scomparsa di ulcere ed infezioni del tratto gastro-intestinale, agendo in modo benefico anche sulla funzione digestiva. Grazie alle proprietà termogeniche ed all’azione stimolante sul metabolismo basale, il peperoncino risulta un alleato importante nelle diete dimagranti. Sono ormai tantissime le compresse, le pomate, gli shampoo ed i prodotti cosmetici a base di peperoncino, che ne concentrano le virtù benefiche.

Per tutte queste ragioni è nata l’Accademia Nazionale del Peperoncino, una Onlus che mira a diffondere la cultura del piccante in Italia e nel mondo con oltre 60 delegazioni solo nel nostro paese. Con sede a Diamante, Cosenza, l’Accademia è la promotrice del Festival del Peperoncino che si tiene ogni anno nella città tirrenica e del Museo nella stessa località.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.