Il Crinale di Monte Scorda si snoda tra splendidi boschi di faggio e abete bianco, con presenze di agrifoglio e acero. L’attraversamento della fitta vegetazione, farà assaporare la bellezza dei colori di una natura incontaminata armonizzata dal rigoglio dei vari ruscelli che incontreremo nel nostro percorso. Un giro ad anello sulle cime consente di raggiungere Monte Scorda, da dove si domina sia il versante Jonico che Tirrenico dell’Aspromonte. Percorso ombreggiato e ricco di sorprese per una camminata nel verde che permette di ammirare il panorama dai crinali verso i pianori di Zervò e i piani d’Aspromonte. Gli amanti dei grandi spazi e dei panorami a 360° troveranno cosa apprezzare dato che l’escursione si svolge in parte sulla cresta dell'Appennino calabrese nel tratto compreso fra M. Scorda e M. Misafumera. Una lezione di geografia a cielo aperto dal momento che, in alcuni punti del percorso, si potranno osservare, contemporaneamente, i due versanti, ionico e tirrenico oltre alla linea dello spartiacque che rappresenta anche il confine di due ben distinte zone climatiche in cui gli elementi terra ed aria regnano sovrani.

header esc

Domenica 11 Novembre 2018

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2018

"IL PETTINE DELL'ASPROMONTE"

I Crinali di Monte Scorda

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - STORICO AD ANELLO

RADUNO: ore 09.30 presso il Crocefisso dello Zillastro

COME ARRIVAREPer chi proviene dalla Tirrenica e da Reggio Calabria: Indicazione Oppido - Crocefisso dello Zillastro.

Dalla Ionica seguire la dorsale dello Zomaro con indicazione Crocefisso dello Zillastro

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00

DIFFICOLTA': E - Escursionistico  -  TEMPO: Ore 5.00

DISLIVELLO: 1195 mt s.l.m. - 1497 mt s.l.m.

LOCALITA': Vaccarizio          COMUNI INTERESSATI: Oppido - Platì - Santa Cristina - Careri

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
DESCRIZIONE SENTIERO

Si parte dalla famosa fontana dell’abete punto di riferimento di molti abitanti del territorio, ci immettiamo su un vecchio viottolo fatto dagli animali, dopo 10 minuti siamo sulla sterrata di Misafumera che ci accompagna per la prima parte del sentiero nel versante Jonico e dopo circa 1 km di cammino rilassante siamo alla fontana di Misafumera oggi in abbandono.

Si incomincia a salire con diversi tornanti, la fitta faggeta nasconde ogni visuale, si sale dolcemente e dopo 30 minuti siamo alla base di Monte Misafumera.

La maggiore pendenza è vinta e la si lascia alle nostre spalle, si cammina nella faggeta per circa 30 minuti, all’incrocio si lascia il sentiero del cammino dell’alleanza e si prosegue sulla sterrata principale dove si alternano fitti tratti di bosco e belle vedute sullo Ionio; altri 30 minuti di cammino in una bella e fresca faggeta fino all’incrocio con la strada asfaltata che da San Luca sale a Montalto.

Sulla destra, si riprende il sentiero Italia che ora sale su per il costone di Monte Scorda (1570 mt), si percorre  per un breve tratto per poi prendere a sinistra un sentierino fatto dagli animali nella fitta e giovane faggeta.

Bisogna fidarsi dell’intuito, il sentiero è poco visibile e la fitta faggeta nasconde ogni visuale, il fruscio di un folto fogliame accompagna il nostro cammino e in circa 30 minuti ci porta a Monte Scorda, massima quota del nostro itinerario (1572 mt s.l.m.), vertice tra i territori dei Comuni di Santa Cristina d’Aspromonte, San Luca, e Careri, nonché punto Trigonometrico della rete I.G.M.

Arrivati ad un pianoro il bosco diventa più rado, da qui si imbocca  un sentiero ora ben visibile e poco più avanti ad una radura, il colpo d’occhio sulla cima più alta dell’Aspromonte, Montalto (mt.1956), è eccezionale con il panorama che spazia fino alla costa. Proseguendo sul crinale, scendiamo verso Monte Misafumera (1390 s.l.m.) alternando lo scenario tra la faggeta e ampie radure fiorite dalle quali si possono intravedere ora un versante ora l’altro. Seguendo sempre la carrera, ed immersi ancora in una ricca faggeta, si giunge a monte “u scaluni”, chiamato così per la sua particolare forma a scala dove sulla cima è presente una grande Croce in legno Giunti a Monte Misafumera è possibile spaziare con lo sguardo sia sul Tirreno che sullo Ionio; suggestiva la veduta su Pietra Cappa!

Si riprende il sentiero che prosegue sulla cresta da dove si intravede la ex sede della Comunità Incontro e percorrendolo, sempre in mezzo alla faggeta, scendendo si  rasenta un maestoso abete nei cui pressi vi dimora un albero di tasso tra i più longevi  dell’Aspromonte. Poco più avanti si giunge alla strada asfaltata checi riporta al punto di partenza.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.