I luoghi della memoria - Le storie, le persone, i sentieri

Tra le montagne di Canolo e Cittanova, lungo i rivoli che attraversano grandi pianori, sopravvivono antiche Torbiere: residui di relitti glaciali, classificati da “Natura 2000” e tra le aree S. I. C., che qui si conservano grazie a particolari condizioni climatiche. Stazioni di felci di Osmunda Regalis completano la biodiversità di questi luoghi. L’area dei Piani di Marco, sullo Zomaro, è invece caratterizzata dalla stazione sperimentale di frutti oramai in via di estinzione: mele, pere, noci ed altri frutti dimenticati.

header esc

1° Dicembre 2019

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2019

"LA NATURA NASCOSTA"

Le Torbiere

(Escursione del 24 novembre rinviata causa allerta meteo)

ITINERARIO NATURALISTICO - STORICO - PANORAMICO AD ANELLO

RADUNOore 9.30 Canolo Nuova

PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.00

DIFFICOLTA': E - Escursionistico TEMPO: Ore 5.00

DISLIVELLO: 780 mt s.l.m. - 982 mt s.l.m.

COMUNI INTERESSATI: Canolo – Gerace – Antonimina – Cittanova

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COSA BISOGNA SAPERE

Dove i graniti cristallini dell’Aspromonte si saldano con le sabbie delle Serre formando terrazzi di origine quaternaria, qui, tra antiche torbiere, sulle montagne di Canolo e Cittanova, lungo uno degli altipiani che caratterizzano la fascia montana del versante tirrenico dell’Aspromonte e della Dorsale della Melia che collega il massiccio aspromontano con le Serre calabresi, inizia la nostra escursione.

 


 DESCRIZIONE SENTIERO

               Partendo dallo snodo di Canolo Nuovo, lasceremo la pineta alla nostra sinistra portandoci nei pressi di una piccola depressione che condurrà sul crinale di Piani Maria da dove potremo già ammirare la vallata che spazia in modo spettacolare sulle Dolomiti del Sud in primo piano e Canolo Vecchio, il Borgo di Agnana e la Rocca di Gerace faranno da primo piano allo sfondo della Vallata della fiumara Novito e del mare jonico.

         Riprenderemo il percorso verso una delle nostre mete: i Piani Gulata, dove un esteso prato ci condurrà lungo i rivoli che attraversano zolle di sfagneta, una rarissima pianta acquatica denominata: Patamogeton polygonifolius, un relitto glaciale che si conserva grazie a particolari condizioni climatiche. In queste contrade le piante di giunco venivano raccolte dai massari ed utilizzate per realizzare i contenitori per la ricotta dette: “fasciedi “.

           Raggiungeremo, attraversando il Piano Gulata, il rivolo d’acqua del vallone Porcarizio: il toponimo del luogo chiarisce subito l’attività prevalente che anticamente, ed in parte ancora oggi, si svolgeva in queste contrade, ovvero l’allevamento dei suini. Allo scollinamento saremo accolti da un’interessante stazione di Osmunda Regalis, una rarissima felce sopravvissuta alle ere glaciali che completa la biodiversità di questi luoghi.

          Lasciato il vallone, siamo ai piani Maschera e la faggeta ci guiderà nella direzione dell’acqua “da riina”, dove incroceremo la Sp1 che conduce a Gerace. I Piani della Melia (il Piano dei Frassini) segnano gli intrigati confini tra i Comuni di Gerace, Canolo, Antonimina e Cittanova. L’area ha avuto importanza strategica al tempo dell’antica Locri (VII sec. a.C.), perché qui scollinava l’antico Asse Jonio-Tirreno del passo del Mercante e nei pressi erano posti due fortificazioni a presidio degli affacci sullo Jonio a Bragatorto - Coculedi e l’altro a Palazzo a controllo del litorale tirrenico.

         Il pianoro è dominato dal grande formazione granitica di Pietra Liso; da qui, ci porteremo sul litorale tirrenico incrociando la strada di Dorsale dove ai Piani di Marco ricade la stazione sperimentale di frutti oramai in via di estinzioni: mele, pere, noci ed altri frutti dimenticati.

         Su questa parte della Dorsale si trova l’altra Torbiera: anch’essa area di interesse comunitario è indicata tra i siti di “Natura 2000”.

         Un caldo e grazioso rifugio di montagna allieterà la nostra sosta. Si riprende, costeggiando la meravigliosa faggeta, che dolcemente condurrà verso un antico pozzo nella direzione del Passo del Mercante prima e quindi al punto di partenza.

 

 

Nel corso del tempo

  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999
  • 2000
  • 2001
  • 2002
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
  • 2017
  • 2018
  • 2019
  • sld_1
  • sld_2
  • sld_3
  • sld_4
  • sld_5
  • sld_6
  • sld_7
  • sld_8
  • sld_9
  • sld_10

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.