I luoghi della memoria - Le storie, le persone, i sentieri

header esc

24 Gennaio 2016

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2016

"RIFUGI E BIVACCHI... UNA PIACEVOLE SOSTA"

BIVACCHI DI MONTE CAPORALE

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO - STORICO AD ANELLO

Un anello soleggiato d'indubbia bellezza, abbastanza facile e relativamente breve che attraversa numerose e caratteristiche borgate, alcune parzialmente riattate ed altre abitate da una manciata di residenti, altre ancora ormai abbandonate, ma tutte ricche di fascino e di storia. Dopo una salita iniziale, il percorso procede a mezzacosta tra boschi e aree prative dai dislivelli contenuti, su stradine sterrate e su qualche breve tratto asfaltato, da cui si può ammirare un fantastico paesaggio che ci accompagnerà per tutto il percorso.

  • RADUNO: ore 9.30 Caulonia marinamappa
  • 2° RADUNO: ore 9.45 nei pressi del Ponte Allaro di San Nicola di Caulonia - N.B.da Caulonia Marina seguire indicazione Cascate
  • PARTENZA ESCURSIONE: ore 10.15
  • DIFFICOLTA': E - Escursionistico  -  TEMPO: Ore 5.00
  • DISLIVELLO: 280 slm - 690 slm
  • COMUNI INTERESSATI: Caulonia

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

RINNOVO TESSERAMENTO: Ricordiamo ai soci di rinnovare il tesseramento versando la quota ed inviando il codice fiscale utilizzando il seguente LINK

DESCRIZIONE SENTIERO

Itinerario escursionistico di collina molto suggestivo e alla portata di tutti, grazie alla relativa facilità del percorso. Gli ambienti naturali che si attraversano sono di grande valore naturalistico e paesaggistico e di rara bellezza.

Le piccole comunità rurali sorgevano generalmente a mezza costa, lungo gli antichi sentieri d'altura, a quote comprese tra i 700 i 1000 metri, nei punti in cui l'esposizione e la morfologia del terreno presentavano le caratteristiche più favorevoli all'insediamento umano e alle attività rurali.

Si imbocca la mulattiera che si stacca dal fondovalle presso la Fiumara Allaro e sale dolcemente addentrandosi nel bosco misto; dopo poco si prende la vecchia strada forestale della Pica che a mezza costa si dirige verso la frazione di Ursini e dopo circa tre km si raggiunge la strada asfaltata che porta al borgo.

Dal punto di vista strutturale ed architettonico questi piccoli insediamenti erano caratterizzati da una forte elementarità, costituiti nella maggioranza dei casi prevalentemente da case di pendio, costruite con pietre rozzamente squadrate e con l'uso frequente di muri in comune. Alle abitazioni era solitamente collegato un insieme di costruzioni minori come stalle,   fienili e magazzini, un tempo indispensabili allo svolgimento di attività rurali.

Superato il borgo ci si immette sulla strada della Mercatelli che in pochi minuti porta alla parte alta del borgo; in prossimità di una curva a gomito si segue la sterrata a destra della strada asfaltata e dopo circa 1 km si abbandona la sterrata e si percorre un sentiero aperto in lieve salita che porta sulla pista di Milicucco che si collega alla pineta di Monte Caporale dove il Consorzio di Bonifica ha rimboscato un campo a frutteto ( pero, melo, castagno, ciliegio, gelso e tanti altri frutti).

Dopo aver superato il frutteto si effettua una breve sosta al bivacco e si fa rifornimento d’acqua godendo del panorama che si apre su tutto il corso d’acqua della fiumara Allaro, e sui piccoli borghi del territorio. (Caulonia dopo Reggio è il paese della provincia con il più alto numero di borghi e frazioni).

Dopo aver attraversato Monte Caporale ci si immette sulla strada asfaltata e si scende verso Ursini; dopo circa 1 km si raggiunge il cimitero e proseguendo per un centinaio di metri si arriva sulla sterrata Grappido Galatria, che porta a valle.

Si scende in un continuo di tornanti tra vigneti e uliveti godendo dei suggestivi panorami offerti dal percorso e dopo circa 3 km si raggiunge il ponticello sulla strada asfaltata che porta verso le Serre e nel borgo di Galatria. Proseguendo sulla sterrata a sinistra dopo circa 500 metri si giunge in prossimità del Ponte di San Nicola, si costeggia la Fiumara Allaro e dopo qualche minuto si arriva al punto di partenza.


Nel corso del tempo

  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999
  • 2000
  • 2001
  • 2002
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
  • 2017
  • 2018
  • 2019
  • sld_1
  • sld_2
  • sld_3
  • sld_4
  • sld_5
  • sld_6
  • sld_7
  • sld_8
  • sld_9
  • sld_10

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.