I luoghi della memoria - Le storie, le persone, i sentieri

header esc

29 Novembre 2015

DAL PROGRAMMA ESCURSIONI 2015

"MULINI - FRANTOI - PALMENTI"

LA VIA DEI FRANTOI DI CONDOIANNI

ITINERARIO NATURALISTICO - PANORAMICO AD ANELLO

Su questo sentiero di bassa quota incastrato nel vecchio borgo di Condoianni, denominato la valle dei frantoi, si avrà modo di ammirare i ruderi di vecchi frantoi. Un percorso "quasi" urbano, tra le case del borgo. In particolare si può ammirare il frantoio e palmento della famiglia Speziale testimone di quello che era uno dei più importanti e strategici centri di lavorazione dei prodotti agricoli. Una breve visita di quello che rimase del Castello di Condoianni dopo il terremoto del 1653.

RADUNO: ore 9,15 sulla SS.106 di Sant’Ilario Marina

PARTENZA ESCURSIONE: Partenza per il Museo ore 9.30 - Partenza Escursione ore 10.30 - NB. Pomeriggio visita al Castello di Condoianni

DIFFICOLTA': E - Escursionistico

COMUNI INTERESSATI: Sant'Ilario dello Ionio

mappaTEMPO: Ore 3.30

DISLIVELLO: 65 slm - 175 slm

Mappa

L'iscrizione alle escursioni tramite il link presente in questa pagina è riservata esclusivamente ai soci e deve essere effettuata entro le ore 24 del venerdì antecedente. I simpatizzanti e coloro che ancora non sono iscritti all'associazione (ospiti) non possono partecipare alle escursioni di tipologia E.E. (Escursionisti esperti). Per tutte le altre tipologia di escursioni si deve esibire la dichiarazione liberatoria. Per ogni ulteriore informazione, si prega di contattare il Direttivo oppure inviare una e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COSA BISOGNA SAPERE

Condojanni (Kontojiànni in greco calabro) è una frazione del comune di Sant'Ilario dello Ionio, situata a circa 1,1 chilometri dal centro comunale, Arroccata su una suggestiva collina a 159 m. s.l.m. e distante solo 3 km dalla costa, presenta una popolazione di circa 80 abitanti. Fino al 1811 fu comune autonomo e capoluogo di una contea che comprendeva anche Sant'Ilario dello Ionio e Ciminà. Il piccolo centro abitato gode di una vista davvero unica: dai terrazzi, oltre alle distese di agrumeti e uliveti profumatissimi, si può ammirare gran parte della costa dei gelsomini e del limpidissimo mar Ionio, forse uno dei luoghi più pittoreschi della Calabria.

Il castello di Condojanni si trova nei pressi del centro abitato di Condoianni, nell'odierno comune di Sant'Ilario dello Ionio, e fu eretto dai Normanni nell'XI secolo sulla cima di un'altura rocciosa, tra quelle che dominano la Locride. Rappresenta uno dei pochi esempi di architettura alto medievale calabrese. Il castello, insieme a quelli vicini e simili di Gerace, Stilo, Amendolea, Sant'Aniceto rientrava in un sistema difensivo di età normanna volto a controllare la costa ionica meridionale.

La storia - Il possente donjon fu costruito per volere degli abitanti svizzeri intorno all'XVIII secolo come luogo di avvistamento e di rifugio per la popolazione, in seguito all’intensificarsi delle scorribande saracene lungo le coste calabresi. Con il passaggio della Calabria sotto il dominio degli Svevi, tale struttura fu ristrutturata ed ampliata, creando il vero e proprio castello, con l’aggiunta di alcune torri rettangolari. Da questo momento vennero scritti documenti che ne danno notizia. Nel corso del XIII secolo il castello divenne il centro di comando del fiorente feudo di Condoianni. Il castello divenne nei secoli proprietà di famose ed illustri dinastie siciliane, tra le quali i Ruffo di Calabria, i Marullo, i Carafa principi di Roccella.

La struttura - La torre centrale ha una pianta quadrata, un'altezza che raggiunge i 30 metri e la struttura di innalza su quattro piani. Il piano terra del castello presentava numerosi ambienti e un muro longitudinale divideva lo spazio interno del castello dalla piazza d'armi. Le mura esterne del castello vennero ristrutturate diverse volte.


 DESCRIZIONE SENTIERO

Il programma prevede la visita alla Cascina di Sant’Anna della famiglia Speziale costruita nel 1803, in cui si può ammirare un antico frantoio completo in ogni sua parte e prendere visione del ciclo produttivo della trasformazione delle olive nel pregiato olio di olive calabrese. Lasciata la cascina, si prosegue in macchina verso Condojanni.

Si parte dalla piazza Uria e si prosegue verso la viuzza di Salvo Gianni, si scende lungo la strada pavimentata in calcestruzzo e, dopo pochi minuti, arriviamo al Frantoio Chiricosta. Arrivati alla Ovita di San Sebastiano Martire, si prosegue a destra sulla vecchia strada in abandono, dopo 10 minuti siamo ai ruderi del vecchio frantoio Varacalli, ancora 200 metri e siamo sul vallone Turgario, dopo, circa 500 metri, in prossimità di un secolare querceto, prendiamo a destra la stradella Giuliano che sale dolcemente tra piante di olivo e di agrumi.Dopo aver superato diversi terrazzamenti in abbandono, che fino a pochi anni fà erano la fonte dell’olio di Condoianni, si sale verso il piano Giuliano. Da quì si gode un’ampia vista su tutta la fiumara di Condoianni, il costone di bombile e la grande timpa Bianca, dal colore che la caratterizza. Si prosegue a mezza costa e dopo pochi minuti siamo in prossimita del Timpone Giuliano e Timpa di Mezzo, dove si può ammirare la grande timpa con i suoi svariati colori; da quì il sentiero scende tra uliveti e macchia mediterranea.

Superato un tratto franoso si arriva in contrada filesi, si scende e dopo circa 10 minuti siamo sulla strada in cemento. Lungo il cammino si incontrano diverse masserie, delle quali qualcuna in abbandono. Si prosegue lungo la strada e dopo pochi minuti siamo a uno dei tanti frantoi (Pulitanò) nel territorio di Condoianni. Fino agli anni 60 c’erano più di 15 frantoi. Ancora pochi minuti e imbocchiamo il canalone che ci porta sulla fiumara Condojanni. Si prosegue per circa 1 km, per prendere la strada in calcestruzzo che ci porta a Codojanni, al punto di partenza. 

Nel corso del tempo

  • 1996
  • 1997
  • 1998
  • 1999
  • 2000
  • 2001
  • 2002
  • 2003
  • 2004
  • 2005
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
  • 2017
  • 2018
  • 2019
  • sld_1
  • sld_2
  • sld_3
  • sld_4
  • sld_5
  • sld_6
  • sld_7
  • sld_8
  • sld_9
  • sld_10

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.